discutendo insieme La sig.ra Gelmini e la rivolta studentesca. | DISCUTENDOINSIEME | discutendoinsieme | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

La libertà religiosa è possibile solo a patto che chiunque si limiti a professare la propria senza interferenza con lo stato.
La sig.ra Gelmini e la rivolta studentesca.
post pubblicato in COMMENTI, il 26 novembre 2010


È con grande coraggio che il ministro dell'istruzione  lancia il suo messaggio agli studenti in rivolta attraverso il suo sito  su you tube.

Mentre il mondo della scuola è in fibrillazione proprio a causa della riforma "Gelmini", il ministro esorta gli studenti a non farsi strumentalizzare dai baroni e dai centri sociali perché questo ddl mette voi al centro, non c'è un solo punto del provvedimento che possa danneggiarvi. È per voi, per eliminare privilegi e sprechi, per spazzare via i concorsi-truffa, le parentopoli e aggiunge che bisogna avere il coraggio di fare le riforme. Io mi sono assunta questa responsabilità e non ho intenzione di tornare indietro. Voglio che l'Italia abbia questa riforma, che i nostri atenei non si piazzino più agli ultimi posti delle classifiche internazionali.. Non è vero che i soldi sono stati pochi. Purtroppo sono stati spesi male per finanziare corsi inutili, sedi distaccate di cui si poteva benissimo fare a meno, iniziative che sono servite a qualcuno ma non certo agli studenti.

 

Dunque,mentre gli studenti protestano a causa della sua riforma, il ministro se la prende coi baroni e i centri sociali accusando, di fatto, di inscenare la protesta per altri scopi.

Cara sig.ra ministra, non le vien proprio di pensare che gli studenti siano in grado da soli di analizzare e comprendere che la sua riforma non è affatto fatta per loro? Che la riduzione dei soldi e degli insegnanti, oltre a togliere loro la possibilità di avere più risorse, saranno la causa di licenziamenti? Che una scuola basata sulla meritocrazia avvantaggerà qualcuno a scapito di altri che avranno l'unica colpa di non avere ne soldi ne conoscenze?

Inoltre, lei dimentica che la scuola per tutti è stata introdotta non solo per dare lavoro ma anche per dare coltura a tutti; ma forse è proprio di questo che lei ha paura, di un popolo preparato e in grado di comprendere il mondo in cui vive.

Lei dice che i soldi sono stati spesi male, ebbene, perché allora non crea le condizioni per spenderli meglio? In fondo è compito suo, o no? Tagliare quando le cose vanno male lo sanno fare tutti, non crede? Un valido ministro dovrebbe essere in grado di far fruttare al meglio i soldi a disposizione impedendo lo spreco che, in fondo, siete voi politici a praticarlo.

 

Per concludere, sig.ra ministra, invece di esortare gli studenti a non protestare, perché non valuta le loro richieste. Le assicuro che capirà che a volte tornare indietro è più redditizio che andare avanti a testa bassa come i …

 

 

 

 

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola riforma gelmini

permalink | inviato da verduccifrancesco il 26/11/2010 alle 23:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia ottobre        dicembre
calendario
adv