discutendo insieme discutendoinsieme discutendo insieme DISCUTENDOINSIEME | discutendoinsieme | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

La libertà religiosa è possibile solo a patto che chiunque si limiti a professare la propria senza interferenza con lo stato.
Morire a dodici anni per una pistola giocattolo
post pubblicato in NOTIZIE, il 24 novembre 2014


Ilmessaggero

 

ACleveland negli Usa, due poliziotti sparano a un dodicenne di colore perchéritenevano che avesse una pistola; però la pistola era un giocattolo.

Idue poliziotti, messi in allerta da una chiamata che riferiva che in un parcoun ragazzo stava maneggiando una pistola – secondo la registrazione, il testimoneche ha chiamato ha anche detto che la pistola poteva essere un giocattolo -, sisono recati sul posto e, individuato il ragazzo, gli hanno intimato di alzarele mani, questi, invece, ha portato la mano alla cintura per estrarre lapistola, a questo, punto i due poliziotti hanno sparato colpendolo allostomaco. Il ragazzo è morto dopo qualche ora dal ricovero in ospedale. Secondoil portavoce della polizia, i due poliziotti hanno scoperto che si trattava diuna pistola giocattolo dopo aver sparato.

 Abeh, comodo! Il problema, però, non è questo ma l’aggressività della poliziache di fronte a una situazione di presunto pericolo, probabilmente, ha l’ordinedi sparare e poi verificare; questo, probabilmente, anche di fronte a unragazzino di dodici anni.

Tral’altro, se secondo la registrazione della chiamata risulta che il testimone haeffettivamente avvisato che il presunto “criminale” era un ragazzo e chesembrava stesse maneggiando una pistola giocattolo, la reazione della polizia,non solo è stata eccessiva, ma anche “criminale”. Questo anche al di la deglieventi delittuosi che si registrano frequentemente in Usa.

D’altraparte, non è la prima volta che succede e nella maggior parte dei casi levittime sono neri.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. polizia minorenni delitto omicidio

permalink | inviato da vfte il 24/11/2014 alle 17:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Nuova strage negli USA: quindicenne uccide cinque persone tra cui 3 bambini.
post pubblicato in NOTIZIE, il 21 gennaio 2013


Ansa   
Di nuovo cantano le armi facili negli USA, 
un canto di morte e dolore che, di nuovo, scuote, o dovrebbe, le coscenze di quanti si stanno adoperando per la loro limitazione. 
Di nuovo cantano e di nuovo è strage di innocenti, ma le coscienze che queste stragi provocano non si scuotono, anzi, si difendono dalle accuse loro rivolte.

L'assassino è stato arrestato: un quindicenne (sempre che sia stato lui)
La polizia indaga sul movente: a che scopo?

Forse che assicurando un omicida alla giustizia si ferma la strage?
Forse che scoprendo il movente si eviteranno altre stragi?

Il mondo è pieno di assassini, anzi, tutti siamo potenziali assassini!
Tutti, di fronte all'ingiustizia, o a quella che ha noi sembra un'ingiustizia, o quando siamo psicologicamente "instabili"  a causa di forti stress, pensiamo ad azioni estreme.  
Cosa ci ferma? 
La consapevolezza di un'azione inutile e negativa sia per gli altri che per noi o la paura della legge e l'impossibilità di procurarci armi senza doverle denunciare?
Credo tutte e tre le cose. 

Tutti siamo consapevoli della negatività della violenza così come tutti subiamo ingiustizie e siamo sottoposti a stress, pochi, però, arrivano a una soluzione violenta. Perché?
Vedo una solo risposta a questa domanda: la possibilità di accedere alle armi. Possibilità che negli USA è alla portata di tutti, sia per l'acquisto che per l'utilizzo.
Nella casa dove sono stati trovati i corpi c'erano parecchie armi e, a quanto sembra, alla portata di tutti i componenti della famiglia, perciò e a meno che fosse un covo di delinquenti, l'assassino quindicenne poteva accedervi e usarle liberamente.
Perciò, il fulcro del problema è tutto qui! La confidenza con le armi e la convinzione che il loro uso per motivi personali sia moralmente lecito.

Qualcuno ha detto che, comunque, i criminali - che sono i più probabili assassini - le armi le trovano comunque. Vero, ma in questi casi non si tratta di criminalità, queste persone non sono criminali ma persone normali che hanno a disposizione un armamentario pronto all'uso. Inoltre, c'è anche la possibilità che anche i minorenni vengano addestrati in casa ad usarle secondo il principio della difesa in caso di aggressione.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. usa armi stragi minorenni

permalink | inviato da verduccifrancesco il 21/1/2013 alle 18:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Tre esplosioni davanti ad una scuola a Brindisi.
post pubblicato in NOTIZIE, il 19 maggio 2012


 Il fatto quotidiano
Stamattina, davanti all’istituto Morvillo-Falcone di Brindisi, sono state fatte esplodere tre bombe che hanno ucciso una ragazza di sedici anni e ferito altri sette studenti di cui uno, un’altra ragazza di sedici anni, versa in gravi condizioni.
A quanto sembra, la bomba è stata fatta esplodere con un telecomando, pertanto, si crede che si sia voluto uccidere.
Per ora, gli inquirenti, pur lasciando aperte tutte le strade, sono orientati verso quella mafiosa.

Un atto criminale che non lascia dubbi sulla crudeltà degli attentatori e che ha provocato la reazione di tutto il mondo politico e civile.

NON SI POSSONO COLPIRE, DI PROPOSITO, I MINORENNI PER NESSUN MOTIVO!!!

Di fronte a tanta crudeltà, non servono parole per cercare di capire. Tutto è chiaro!
Che i colpevoli siano mafiosi o politici o altro, poco importa. Vanno presi e condannati alla pena più dura che esiste in Italia.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. criminalità minorenni strage scuola

permalink | inviato da verduccifrancesco il 19/5/2012 alle 14:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia maggio        dicembre
calendario
adv