discutendo insieme discutendoinsieme discutendo insieme DISCUTENDOINSIEME | discutendoinsieme | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

La libertà religiosa è possibile solo a patto che chiunque si limiti a professare la propria senza interferenza con lo stato.
I PENSIONATI D’ITALIA e i criteri Imps.
post pubblicato in BREVI, il 3 gennaio 2012


            Fonte Ansa

700 euro di pensione, 450 di pensione sociale e 250 per gli anni lavorati all’estero, questa la pensione che percepiva l’anziano, di 74 anni, di Bari che si è tolto la vita dopo aver ricevuto dall’imps la richiesta di restituire parte dei soldi della pensione percepiti negli ultimi anni.

Questa notizia, se risultasse vera, la dice lunga sulla situazione attuale dell’Italia.
Anche se l’anziano avesse commesso delle “furberie” per ottenere le due pensioni, siamo comunque di fronte a un comportamento che non lascia dubbi su cosa ci dobbiamo aspettare.
Si, perché se si trattasse di certe cifre, come quelle di certe pensioni, sarebbe più che comprensibile la richiesta di restituzione, ma 700 euro, che non bastano neanche a sopravvivere decentemente, non è affatto accettabile.

E’ chiaro che bisognerebbe conoscere la reale situazione economica dela persona e il motivo della richiesta, rimane sempre, però, il fatto in se. Per arrivare alla decisione estrema di togliersi la vita, significa che almeno le condizioni economiche e famigliari erano agli estremi.

C’è da chiedersi con quali criteri, l’Imps, analizza le situazioni pensionistiche per richiedere il rimborso. Se nei criteri è prevista anche la situazione familiare dei pensionati o se si basa esclusivamente su calcoli matematici e l’interesse dell’istituto.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pensioni diritti anziani povertà

permalink | inviato da verduccifrancesco il 3/1/2012 alle 10:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Accattonaggio, a Riva del Garda proposta per proibirlo
post pubblicato in Riflessioni, il 9 giugno 2010


 Accattonaggio come problema sociale o espressione dello sfruttamento dei più deboli da parte di organizzazioni criminali?

Questa domanda se la dovrebbe porre il consigliere di minoranza del comune di Riva del Garda Luca Grazioli (Progetto per Riva) che proprio ieri ha presentato (chiedendo di proibire l'accattonaggio a Riva) un'interpellanza in materia chiedendo al sindaco Mosaner una risposta scritta sull'argomento.

L’interpellanza si basa unicamente sul presupposto che l’accattonaggio sia gestito dalla criminalità senza porre, in nessun modo, l’accento sui problemi sociali a monte del fenomeno quali la mancanza di lavoro regolare (extracomunitari), la povertà (anziani), l’ignoranza ed esclusione (donne e minori in prevalenza di origine nomade).

 Da quanto scrive il consigliere Grazioli nella sua interpellanza: per porre fine alle speculazioni criminali che gravano sui soggetti deboli impiegati nel mendicantato, quali extracomunitari, minori, donne, anziani, per contrastare più efficacemente l'interesse criminale allo "sfruttamento" di chi chiede l'elemosina e per contenere il fenomeno assicurando un'ordinata e civile convivenza, risulta evidente che se il problema nasce dalla criminalità, il fine è la convivenza civile. Come a dire che, se si “annullano” i mendicanti si risolvono tutti i problemi.

La questione “mendicanti” è molto seria e va, sicuramente, affrontata. Ciò che non quadra è la totale mancanza di riferimento alla questione sociale, come se il mendicante derivi unicamente dallo sfruttamento del criminale. Il consigliere dimentica che, se il criminale ha a disposizione persone da sfruttare, ciò deriva dalla situazione sociale in cui versa il mendicante.  

Nella questione sociale ci sono due aspetti che andrebbero analizzati: l’indigenza e lo l’uso dei minori.

L’indigenza può derivare sia da situazioni soggettive della persona sia da situazioni indipendenti dalla volontà della persona stessa. In tutt’e due i casi, la persona, se non assistita adeguatamente, può essere facile preda della criminalità.

L’uso dei minori può derivare sia da situazioni familiari indigenti sia da situazioni estreme di povertà ma anche da culture particolari (nomadi). Anche in questo caso, se viene a mancare l’apporto sociale di sostentamento, le persone coinvolte sono facile preda della criminalità.

Non tener conto di ciò e limitarsi ad “proibire” l’accattonaggio, non solo non lo risolve, ma dimostra una mancata volontà di risolvere i problemi che stanno alla base.

Da qui derivano alcune domande: i clandestini dovrebbero, per legge, essere espulsi; come mai si pensa a multare l’accattone, che è anche clandestino, invece di espellerlo? E come pensano di far pagare la multa a persone senza fissa dimora? Forse la mandano ai loro sfruttatori?

Per concludere, si potrebbe dire che: nelle società civili, l’individuo, se lasciato a se stesso e al di la della sua cultura, per sopravvivere o diventa vittima o diventa aguzzino. Il “bos” criminale, non è altro che l’espressione negativa della teoria sociale che vuole la persona impegnata in attività redditizie avente come scopo il maggior guadagno. Le vittime sfruttate dal crimine sono l’espressione negativa della teoria del lavoro liberista che vuole la società dipendente dall’economia. Ciò è provocato dal venir meno dell’assistenza ai disagiati che ha come risultato l’impoverimento progressivo di un numero sempre maggiore di persone.

Eliminare dalle strade l’accattone si risolve il problema in termini di pulizia, come fossero carta straccia, ma non delle cause.

Sfoglia dicembre        febbraio
calendario
adv