discutendo insieme discutendoinsieme discutendo insieme DISCUTENDOINSIEME | discutendoinsieme | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

La libertà religiosa è possibile solo a patto che chiunque si limiti a professare la propria senza interferenza con lo stato.
Possibile strage di piccoli di rondone al castello Sforzesco di Milano.
post pubblicato in NOTIZIE, il 21 giugno 2012


Corriere
La Torre del Filarete coperta dai ponteggi: nei nidi, i piccoli di rondone stanno morendo perché i genitori non riescono a raggiungerli  

Rondoni a rischio al castello Sforzesco di Milano dove eminenti urbanisti hanno deciso di aprire un cantiere per il restauro della torre del Filarete senza curarsi della ben nota nidificazione sulla stessa di migliaia di rondoni per la riproduzione annuale e di altri volatili.
La torre è stata coperta, come si vede in foto, completamente dai ponteggi e completamente chiusa in modo che i rondoni adulti non possono entrare per dar da mangiare ai piccoli nel nido e neanche a dare il cambio al compagno che li accudisce.
Secondo il Wwf e il gruppo ormitologico lombardo, migliaia di piccoli sono destinati a morire … di fame.
Inoltre, sempre secondo il Wwf e il gruppo ornitologico, sarebbe bastato aspettare circa un mese perché i rondoni arrivano in aprile e verso la metà di luglio sarebbero ripartiti per l’Africa.

Una strage, questa, che nasce unicamente dall’incompetenza dei nostri amministratori in fatto di ambiente e, di conseguenza, dalla mancanza di coordinamento nelle istituzioni o, peggio ancora, dallo scorporo tra edilizia e ambiente, due materie che, invece, devono necessariamente essere almeno coordinate.
Tre esplosioni davanti ad una scuola a Brindisi.
post pubblicato in NOTIZIE, il 19 maggio 2012


 Il fatto quotidiano
Stamattina, davanti all’istituto Morvillo-Falcone di Brindisi, sono state fatte esplodere tre bombe che hanno ucciso una ragazza di sedici anni e ferito altri sette studenti di cui uno, un’altra ragazza di sedici anni, versa in gravi condizioni.
A quanto sembra, la bomba è stata fatta esplodere con un telecomando, pertanto, si crede che si sia voluto uccidere.
Per ora, gli inquirenti, pur lasciando aperte tutte le strade, sono orientati verso quella mafiosa.

Un atto criminale che non lascia dubbi sulla crudeltà degli attentatori e che ha provocato la reazione di tutto il mondo politico e civile.

NON SI POSSONO COLPIRE, DI PROPOSITO, I MINORENNI PER NESSUN MOTIVO!!!

Di fronte a tanta crudeltà, non servono parole per cercare di capire. Tutto è chiaro!
Che i colpevoli siano mafiosi o politici o altro, poco importa. Vanno presi e condannati alla pena più dura che esiste in Italia.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. criminalità minorenni strage scuola

permalink | inviato da verduccifrancesco il 19/5/2012 alle 14:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Strage in Nigeria: fondamentalismo islamico all’attacco dell’Africa occidentale. Diventerà così anche l’Europa?
post pubblicato in IMMIGRAZIONE, il 22 gennaio 2012


Corriere della sera
Attacco terroristico a Kano, seconda città della Nigeria. A sferrare l’attacco è stata la formazione fondamentalista islamica Boko Haram collegata al dfondamentalismo islamico di al- Qada.
Gli obiettivi degli attacchi sono stati gli edifici pubblici, stazioni di polizia, centrale dei servizi segreti e l’ufficio centrale per l’immigrazione. Gli attacchi sono stati sia dinamitardi che scontri a fuoco con l’uso di cecchini che hanno sparato contro le forze dell’ordine. Il risultato è stato di 150 morti tra cui molti civili. L’attacco sanguinoso è stato condotto contro lo stato nigeriano guidato dal presidente cristiano Goodluck Jonathan.
L’attacco è stato rivendicato, appunto, dal gruppo terroristico Boko Haram che si prefigge di combattere contro chiunque esprima idee contrarie alla legge islamica per l’affermazione dell’islamismo in Nigeria.

Si potrebbe dire che questo è l’ennesimo fatto di sangue in Africa commesso da gruppi terroristici che mirano ad espandere il potere islamico e, di conseguenza, il fronte della lotta tra occidente e islam. Si potrebbe anche dire che la colpa di ciò è dell’occidente per le sue politiche di rapina nei confronti dei paesi africani. Ma sarebbe affermare cose risapute e, pertanto minimizzare l’accaduto.  

Un attacco simile conporta una regia complessa che, a sua volta, ha bisogno di un’organizzazione capillare. Questo ci dovrebbe far riflettere sulla situazione italiana ed europea in merito all’immigrato mussulmano e la sua integrazione nel nostro sistema socio/economico/politico.
Ci dovrebbe, altresì, spingerci a porci almeno una domanda: è sufficiente che l’immigrato si comporti onestamente contribuendo al Pil e coprendo i “buchi” nella produzione o, invece, dovrebbe essere chiamato ad integrarsi nella nostra cultura laica?

Quello che emerge dalle analisi dei politici è, senza dubbio, la necessità di avere immigrati che contribuiscano al Pil e coprano i “buchi”. Questo, però, comporta la presenza di una massa consistente di persone che può non essere disponibile ad integrarsi nella nostra cultura laica e, pertanto, soggetta ad affermarsi come cultura indipendente. Questa affermazione avverrà attraverso l’acquisizione dei diritti fondamentali incluso quello di essere presente politicamente nelle istituzioni e, pertanto, acquisirebbero la possibilità di modificare la struttura costituzionale verso uno stato non più laico.

E’ per questo che si rende necessario intervenire affinché gli immigrati vengano invogliati ad accettare la cultura laica. Questo può verificarsi solo a patto che venga dato loro l’istruzione necessaria attraverso la scuola - ovvio che questo modo di agire sarà rivolto più ai minori e ai giovani che agli anziani o comunque a persone già avanti con gli anni - e che venga data loro la possibilità di avere la cittadinanza italiana che, però, deve essere legata all’accettazione dello stato laico.
Questo servirà ad evitare la formazione di zone - sia fisiche che culturali - ghettizzate dove i componenti sono respinti ai margini della società e, perciò, la vedranno come oppressore.
Se si dovesse arrivare a quanto detto sopra, il rischio che l’Italia e l’Europa diventino campo di battaglia tra le diverse fazioni sarà altissimo. A nulla serviranno le “leggi sugli immigrati”  perché serviranno/servono solo a delineare la distanza tra “loro e noi” senza risolvere il problema perché l’immigrazione non si arresterà comunque dato la situazione di alcune aree del pianeta che, tra guerre, regimi totalitari e siccità, la vita è diventata impossibile.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. immigrazione nigeria strage

permalink | inviato da verduccifrancesco il 22/1/2012 alle 16:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia maggio        luglio
calendario
adv