discutendo insieme discutendoinsieme discutendo insieme DISCUTENDOINSIEME | discutendoinsieme | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

La libertà religiosa è possibile solo a patto che chiunque si limiti a professare la propria senza interferenza con lo stato.
L'abisso
post pubblicato in POESIE, il 26 gennaio 2015



Siamo qui

soli

nella notte serena.

Assente la luna,

solo stelle lontane…

ammiccano.

Possiamo parlare ora

solo il silenzio ascolta…

e noi.

Dire tutto e niente

- di noi tutto sappiamo -

dell’abisso incolmabile…

che ci separa.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da vfte il 26/1/2015 alle 21:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sussurri nella notte
post pubblicato in POESIE, il 23 luglio 2012


Amanti avvinghiati
da dolci baci coperti
nella fresca brezza
della vita.
succhiano la linfa
al tenue chiarore lunare.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 23/7/2012 alle 18:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Le lacrime di Ibrahim
post pubblicato in POESIE, il 22 luglio 2012


 Da terrelibere.org


Ibrahim Diabate viene dalla Costa d`Avorio. D`inverno lavora a Rosarno nella raccolta delle arance. Ha scritto due poesie, in francese. Il gruppo di Africalabria le ha tradotte in italiano. Si definisce `combattant de la Justice`. Racconta di sopraffazioni, dignità calpestata, lotte. E dedica i suoi versi ai caduti sotto i colpi delle organizzazioni criminali di Rosarno.

  Ibrahim Diabate
Le lacrime di Ibrahim

In ricordo di tutti coloro che sono caduti due anni fa sotto i colpi assassini delle organizzazioni criminali della città di Rosarno.


Piango

quando vedo i miei fratelli soffrire

Piango

Quando mi sveglio alle quattro del mattino

alla ricerca delle mie illusioni

in un campo di aranci e mandarini

per venticinque euro o anche meno

Piango

quando vedo i miei fratelli vivere in un ghetto

senza acqua né elettricità

in situazioni inaccettabili per l`umanità

Piango

e ho male al cuore

Piango

e soffro

non sono ferito né malato eppure sto male

soffro e piango

Noi

vittime del colore della nostra pelle

qui e altrove

Piango

vedendo i miei fratelli italiani

chiudere le porte del cuore

e delle loro case

Piango

pensando di aver lasciato la famiglia e i miei cari

cercando un`integrazione che non arriva

Piango

le mie lacrime non scendono

eppure piango

soffro nella mia pelle ferite ovunque

e attorno a me lo spettro della solitudine

Piango

per le condizioni dei miei fratelli

africani e non africani di qui e d`altrove

Piango

e continuerò a piangere

finché non ci sarà giustizia ed equità nel mondo

Piango

vedendo i miei fratelli africani sfruttati da altri fratelli africani

Piango

vedendo i miei fratelli africani lasciarsi ammazzare vigliaccamente

sui marciapiedi

facendo il loro mestiere

a causa del colore della loro pelle

Questo vuol dire razzismo fascista

Piango

e mi vergogno vedendo i fratelli B&B, bianchi e back,

guardarsi in cagnesco

Sanguino ovunque

ché attorno a me la vita non è rosa

Ho gli occhi lacrimanti

quando buttiamo nel dimenticatoio i combattenti per la giustizia e la libertà

Nel fiume delle mie lacrime

guardo il mondo in faccia

con la speranza che il domani sarà migliore

se l`orgoglio ipocrita degli uni e degli altri si sgretola

Piango

il mondo e il suo sistema

che non dà alcun valore al genere umano

Le mie lacrime non scorrono

ma io piango


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. immigrazione sfruttamento

permalink | inviato da verduccifrancesco il 22/7/2012 alle 11:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L’avarizia, serena, sul mondo domina.
post pubblicato in POESIE, il 13 giugno 2012


L’avarizia, serena, sul mondo domina.
Avanza, urlando a gran cassa,  
tra note di musica, il suo giubileo.
E subito, gli fa eco cupidigia ,
sua degna compagna,
che dell’avaro è sposa e sovrana.
A seguire poi vien la grettezza;
di pensieri povera e meschina,
ben si trova in loro compagnia.
E con loro,
anche l’ingordigia ben ci sta,
che, di ricchezza sempre affamata,
non disdegna la lor compagnia.

E sfilano tutte per le strade del mondo!
Sul loro carro dorato
- di ricchezze adornato -
spargono briciole
- elargendo sorrisi -
al popolo “sovrano”,
acclamate e riverite
felici se ne van ...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia avarizia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 13/6/2012 alle 14:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sera
post pubblicato in POESIE, il 3 giugno 2012


Ce ne stiamo seduti,
nella limpida sera,
tranquilli sul poggiolo.

Par seduta tranquilla
la luna sopra il monte
dal sole illuminata.

Questa è l’ora soave,
la gente per strada esce
ha godere del fresco;

agognato di giorno
nel calore opprimente
dell’acquoso meriggio.

Poi, pian piano la sera
nella notte si fonde.
La luna dal monte s’alza.

E, nella notte chiara,
attutiti s’odono
sommessi mormorii.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Poesia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 3/6/2012 alle 17:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Smarrito ti osservo ...
post pubblicato in POESIE, il 1 giugno 2012


1

Brilla il tuo corpo alla luce

- di mille gocce sfavillanti coperto -

mentre dall’acqua al sole risorgi.


2

Leggera poi avanzi

il corpo nel vuoto proteso;

di campi fioriti

di frutti maturi

nell’aria il sentore espandi.


3

Nelle curve sinuose

- nell’infinito protese -

lo sguardo si perde;

erotici mondi sognando.


4

Risveglio di desideri assopiti,

- visione trasparente -

i tuoi seni

i tuoi fianchi;

in me il ricordo rinasce.


5

Ancheggiando avanzi;

fulva criniera

dal vento sospinta.


6

Cristalli di luce i tuoi occhi

ridente nel sole il tuo volto

colline prosperose i tuoi seni

alcova d’amore il tuo ventre

forti e robusti i tuoi fianchi

snelle e instancabili le tue gambe;

rifugio prosperoso è il tuo corpo.


7

Calma e tranquilla la tua mente;

d’antica pazienza corazzata,

infonde fiducia nella vita.


8

Con dolce tenerezza,

- di miele cosparsa -

assapori il piacere

donandoti all’amore.


9

E’ nei tuoi occhi che sorge il sole;

al tramonto melodie di colori

invadono il mondo.


10

Smarrito osservo il tuo corpo;

notte e giorno

rifugio del mio ardore.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia corpo

permalink | inviato da verduccifrancesco il 1/6/2012 alle 11:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Mette tristezza questo chiuso cielo ...
post pubblicato in POESIE, il 26 maggio 2012


Mette tristezza questo chiuso cielo
di maggio da nere nubi solcato;
mette tristezza, e profondo gelo,
nel cuore mio cosi addolorato.    

Ramingo vago, nella mia mente,
cercando chiari barbagli di luce;
ad annullare quel senso struggente   
che sempre  gelo e tristezza seduce.

Ma nulla trovo! che il senso mi sfugge;
che sempre nella vita s’è perduto.
D’un tratto un lampo! Ma subito fugge.
Con ansia cerco, lo sguardo muto,   

d’ogni certezza spoglio, nel limpido,
fecondo cielo dentro gl’occhi tuoi ...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 26/5/2012 alle 22:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Dentro il buio profondo.
post pubblicato in POESIE, il 20 maggio 2012


Dentro il buio profondo, antichi occhi
guardano altrove nel cielo notturno;
cercano tra miriadi di stelle
il tuo volto perduto nel tempo.    
ricordi cristallini di visioni  
- mnemonico esercizio insistente -
trasparenti dal vuoto ritornano    
nel silenzio che ascolto solitario.  
Nascosto dentro oscure ombre notturne  ,
di cascate lontane odo il rombo;
melodia di suoni entro l’orecchi  
miei giunge, nel cielo disegnando
antichi volti da tempo perduti.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cultura

permalink | inviato da verduccifrancesco il 20/5/2012 alle 22:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Per una giovane donna
post pubblicato in POESIE, il 20 maggio 2012


Nemmeno l’hai visto il lampo!
Nemmeno il tuono hai sentito!
Ancora col sogno negli occhi,
con le amiche scherzavi e ridevi
in quel mattino simile a tanti.
Un lampo veloce,
un tuono assordante
senza difesa t’han colta ,
strappandoti,
come frutto acerbo,
dall’albero della vita,
quando, ancora vivevi
nella tua innocente giovinezza.
Nemmeno il tempo d’un saluto
d’un addio a questo mondo
che forse ancora non conoscevi
ma con ardore desideravi.

Ora sei la, distesa,
diafana presenza,
e coloro che t’hanno amata
e in te speranze riposto,
con lacrime sincere
gridano il loro dolore

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia brindisi

permalink | inviato da verduccifrancesco il 20/5/2012 alle 10:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Il cielo limpido,trasparente, diafano quasi,
post pubblicato in POESIE, il 17 maggio 2012


Il cielo limpido,trasparente, diafano quasi,

nemmeno una nube a solcarlo.

una rondine vola alta, solitaria,

Verdi monti s’innalzano, stagliate le sagome,

linee imperfette nella loro perfezione.


E’ sotto questo anonimo cielo che irrompe il silenzio!


La mente vacilla, roteando, in miriadi pensieri frantumati

           in questo silenzio che tutto assorbe.                            


A fatica gli occhi cercano la luce,

mentre il buio s’impone;

notte solenne che i sogni richiama.


E tutto tace, perfino il silenzio

- che pure è complice -

cessa il mormorio perenne,

da sempre compagno della solitudine.


Creature alate irrompono

- mortificamdo l’agonia di lussuria -

a rompere il magico cerchio

d’ipocrisia;

regina di notti infeconde.


Ma è nella pigrizia che si gioca l’ultima battaglia

nel vuoto dell’inerzia entrambi si perdono

che il cieco guidare il sordo non può

ne il muto proferir parola.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 17/5/2012 alle 16:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
In fondo, che m’importa se l’Europa rotola ...
post pubblicato in POESIE, il 15 maggio 2012


In fondo, che m’importa se l’Europa rotola
nel baratro profondo , nell’inerzia totale!
Se l’euro si dismette e la lira torna in voga!
Che l’Italia una goccia  nell’oceano torni
a essere, men che nulla mi potrà importare!
Sempre sarò qui, solo, gli spiccioli a contare,
che con ansia e fatica riesco a guadagnare
con l’onesto lavoro d’un’umile esistenza
spesa a ingrassare un regno a me comunque inutile,
dove tutto è concesso fuorché la dignità.

Che m’importa, dicevo, se il mondo nel baratro
crolla. A me che nel fondo da sempre ci abito!
‘Che la dignità mia, da sempre calpestata,
solo nel fallimento del regno che m’opprime
potrà il suo valore riavere e dal nulla
risorgere a nuova vita .

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 15/5/2012 alle 16:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Alla donna più tenera del mondo
post pubblicato in POESIE, il 14 maggio 2012


Con le mille faccende da sbrigare
la solitudine sempre cercavi,
in noi, ancora indifesi, d’alleviare.  
Tenendoci per mano c’iniziavi;

con tanto amore e passione cercavi     
di spingerci da soli ad imparare.
A volte sorridendo ci lodavi,
ma non sempre riuscivi a scusare   

le nostre marachelle d’infantili
giochi e il nostro continuo litigare;  
ed allora con foga ci sgridavi.

Ma poi, con tenerezza ci abbracciavi
che non  potevi  a noi stessi lasciare;
ancora troppo teneri fanciulli.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia mamma

permalink | inviato da verduccifrancesco il 14/5/2012 alle 16:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Giacciono i corpi sulla terra fredda,
post pubblicato in POESIE, il 6 maggio 2012


Giacciono i corpi sulla terra fredda,
spogliati del lor essere umani.
distesi esposti, con la pelle fredda,
diseredati da forze inumani;          

il volto torto da  rabbia e tristezza.
D’esser da schiavi trattati eran stanchi;
con la speranza vincono l’ebbrezza
e al nemico più non prestano i fianchi.

S‘innalzano allora orgogliosi,
forti moderni guerrieri senz’armi,
rinascono dal ventre, maestosi,
della terra che forgia come marmi.

Ed impari è la lotta, che il nemico
sempre, di guerre e armi è antico maestro;
da schiavi tratta chi non è amico.
Ed ora imbrigliati dal capestro

giacciono spogli sulla nuda terra.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 6/5/2012 alle 15:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L'allegra brigata 2
post pubblicato in POESIE, il 3 maggio 2012


A contar soldi in altrui tasche stanno,
- perché il popolo è ladro! -
coi loro sprechi allegri se ne vanno;

chi i loro privilegi contestano,
grande offesa, e delitto
grave, contro lo stato del sovrano.

Mentre discorsi roboanti fanno,
di noialtri incivili,
in cuor loro, felici, rideranno.

Continueranno Essi senza affanno;
compiaciuti in coscienza,
d’altrui pene e dolori si nutriranno.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 3/5/2012 alle 11:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Un fiore, una carezza.
post pubblicato in POESIE, il 2 maggio 2012


Un fiore, una carezza;
gli occhi sorridenti
sotto limpidi cieli;

verso al nulla rivolti;
nel mattino che aneli,
t’avvii con fermezza.

Della notte più aneli
del cuore la durezza;
gl’incubi ormai disciolti,

t’innalzi nell’ebrezza,
verso stelle splendenti,
leggera senza veli.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia donna

permalink | inviato da verduccifrancesco il 2/5/2012 alle 16:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L'allegra brigata.
post pubblicato in POESIE, il 29 aprile 2012


… mentre il mondo di sotto frana,
come dei assisi su troni dorati
se ne stanno quelli dell’allegra brigata.

… mentre il volgo triste, nella miseria annaspa,
in allegri, goliardici, festini, l’epiloogo consumano
del sogno d’un popolo in-deciso.

Sordi ai richiami di chi li ha deificati
imperterriti continuano nel loro cammino
su lussuosi, imbanditi, convogli.

Ossequiati e serviti da compiacenti inservienti
come manichini agghindati la sorte sfidano
compilando sonetti d’amore al popolo tradito.

Di lussuosi sperperi di inganni legali
di politiche sorde ai necessari bisogni
son fatte le leggi da loro redatte.

Forti del consenso con l’inganno strappato
da propagande d’infrante promesse
negano ora d’essere del mondo i padroni
al popolo giurando eterna fedeltà.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia politica

permalink | inviato da verduccifrancesco il 29/4/2012 alle 13:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Dentro questa notte triste di pioggia ...
post pubblicato in POESIE, il 28 aprile 2012


Dentro questa notte triste di pioggia
vado solitario, la mente confusa;
nella nebbia grigia dell’alcol persa;
nella tristezza d’amore perduto.

Negli angoli bui te io cerco;
dentro l’ombra delle fronde d’alberi antichi,
negli angoli perduti del tempo
che il ricordo, dimentico,
nasconde, in chiusi spazi a me negati.

Cammino senza meta in vuoti luoghi ,
un tempo noti ora sconosciuti;
sognando impossibili ritorni
di solari inebrianti sorrisi
sul libro del tuo diafano volto .

Perduto nel nulla navigo ora,
verso destini a me sconosciuti
verso luoghi remoti dell’animo
ove la notte regna sovrana,
il sole ha il colore cieco del buio,
l’orizzonte si perde oltre i miei occhi.

S’espande il mio cuore
ma nulla più di te racchiude.

Finito il ricordo
dei tempi felici
di quando sereno,
di speranze ricolmo,
il tempo fluiva
nel flusso dei nostri pensieri.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 28/4/2012 alle 16:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sereni giocano i bambini ...
post pubblicato in POESIE, il 22 aprile 2012


Sereni giocano, lievi farfalle,
nel prato giocano correndo intorno  
sotto l’occhio vigile delle madri.
Sulla panchina seduto è l’anziano.                     

Solitario osserva i bambini, il cuore
lontano nel tempo, leggero vola,
lo sguardo perso nel vuoto, felice;
d’infanzia i dolci ricordi rivive.                          

Ora  i bambini le mamme radunano,   
tardi s’è fatto, è ora di tornare!  
Radunati i bambini ritornano

tranquille verso casa. E’ l’anziano
triste ora; coi suoi ricordi solo.
Sa, che mai più il tempo tornerà ...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia infanzia vecchiaia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 22/4/2012 alle 22:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Ritornano le parole scolpite nei tuoi occhi
post pubblicato in POESIE, il 20 aprile 2012


Son tante le parole,
ma nel tempo svuotate,
per dire che ti amo,
che sei la più solare,
che sei per me la sola,
l’unica a me legata.

Parole vuote e antiche!
per sempre son disperse
nel vento della notte.

Potrei rimescolarle!
creare nuove frasi;
sussurrarle nel buio
della notte tra glicini
fioriti al chiarore
tenue della luna
mentre, soli, abbracciati
al cielo ci mostriamo.

Ma sarebbe un inganno
della mente ormai stanca;
‘che i glicini sfioriti
la luna nera e buia
han tolto il desiderio
di dire cose vuote.

Eppure colsi in te  
il giovane bocciolo,
nel sole liberato
i tuoi capelli fulvi ;
luminosa criniera
di giovane puledra
che al vento s’espande
sul mio giovane corpo.

E allora nei tuoi occhi
sorridenti ti guardo;
d’incanto il cielo s’apre
su un mondo rinnovato;
le parole già dette
di nuovo ritornano,
di nuova vita colme,
dal profondo dell’essere
risvegliando la mente
nel cuore addormentata.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia parole vuoto

permalink | inviato da verduccifrancesco il 20/4/2012 alle 13:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sogno di primavera
post pubblicato in POESIE, il 17 aprile 2012


1

Sola, distesa sul prato, avvolta nel sentore d’erba appena tagliata, la tua candida pelle, al sole, come antica dea silente, mostri, incurante d’eventuali occhi indiscreti.
Freme il tuo corpo al tocco leggero dei tiepidi raggi; di desideri inespressi è ricolmo. E’ la primavera che chiama, solerte, le figlie dell’amore all’alcova che, natura, sempre per loro prepara. E’ il magico momento del risveglio dal freddo tocco invernale che, tanto torpore in te ha infuso.
E godi della carezza del vento che, lieve, massaggia la tenera pelle.

Ti lasci andare!
Le tensioni accumulate rilasci.

Finalmente libero, il pensiero esplode oltre i confini dell’orizzonte che si espande, ora, a dismisura, donando al corpo l’immenso universo. T’innalzi, all’ora, nel limpido cielo e, come aquila, libera voli librandoti nell’aria di profumi ricolma.

2

Ora sei sospesa
corpo fluttuante
la mente leggera
il volto splendente.
Ormai è primavera!
finita è l’attesa
del tempo remoto;
ove desiderio
dai gorghi fluiva  
in lidi perduti.
Ora, dei sentori
della primavera
vestita, t’involi
nell’alte, aeree,
sfere del pensiero
sublime. E nessuno,
dal mondo di sotto,
a rubarti verrà  
la tua primavera.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia primavera

permalink | inviato da verduccifrancesco il 17/4/2012 alle 14:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
D'improvviso,un tenero ...
post pubblicato in POESIE, il 14 aprile 2012


D’improvviso, un tenero dolce bacio,
laggiù, nella penombra della sera,
prima che il giorno nella notte muoia ,
sfiorò lieve le labbra mie innocenti.

Lampo di luce , soavi piaceri
ridestò in me; infantili desideri
nel profondo sopiti. A me ti strinsi
d’impulso, batteva il cuore impazzito.

Fu in quella sera di profumi colma  
che s’apri il cuore mio al dolce vento
di quell’amore che in me infondesti.

Fu in quel torpore, da te risvegliato,
che timido e solenne, a te giurai
d’unire per sempre il nostro destino.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da verduccifrancesco il 14/4/2012 alle 14:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Affranto è l’uomo ...
post pubblicato in POESIE, il 11 aprile 2012


Affranto è l’uomo dalla sua sorte,         
annaspa nell’incertezza esangue
del divenire suo chiuse le porte  
tra bene e male nulla più distingue.

Ancora scorre nelle vene il sangue,
le speranze languono,  malasorte!
nel profondo del cuore vita spegne;  
l’unico suo  pensiero: la morte.  

Ormai si sente solo e triste langue                  
più non sperando per se miglior sorte.     
Il figlio sulla tomba triste piange;  

muto ascolta complicate distorte
parole, ove il suo cuore s’infrange
che verità e giustizia son distorte.  

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia uomo morte

permalink | inviato da verduccifrancesco il 11/4/2012 alle 15:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Adolescente primavera 2
post pubblicato in POESIE, il 7 aprile 2012



Con incedere lieve avanzava,
libellula leggera, svolazzante
in quell’aria di vita palpitante,
il suo corpo soave illuminava,

all’apparire suo , in noi i cuori
stanchi e solitari nell’attesa
d’un suo sorriso per noi, spettatori
d’una nuova erotica attesa,

sublime risveglio di primavera.
Inermi nella nostra timidezza,
mentre il giorno fluiva nella sera  

lo spirito lasciavamo fiorire
che solo senso ridare poteva
al nostro quotidiano divenire.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia primavera

permalink | inviato da verduccifrancesco il 7/4/2012 alle 13:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
La vita e la morte
post pubblicato in POESIE, il 6 aprile 2012


Solo nella notte,
penso alla vita,
alle sue corrotte
strade; accanita
sorte! con la morte
solo è finita.

Perdura la vita!
Se pure, da lunga
lotta infinita
al termine giunga,
sempre agguerrita
la sorte prolunga.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia vita morte

permalink | inviato da verduccifrancesco il 6/4/2012 alle 8:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
S'innalzano nel cielo ...
post pubblicato in POESIE, il 3 aprile 2012


S’innalzano nel cielo,  
col mantello fiorito,
nelle prime giornate,
limpide e solari,
gli alberi di gemme
colmi, pieni  di vita
delle tenere foglie.
Festosa esplosione
di musica silente,
sublime, armoniosa,
di colori sgargianti
vestita, che natura  
sola può concertare.

Va, al suono nascosto,
tra i lievi sentori,
inebrianti profumi,
la giovine ragazza.
Va, leggera farfalla,
tra un fiore e l’altro
svolazzando, calore  
e vita da natura
il suo sogno rubando.

Tornerà poi, leggiadra,
straripante di vita  
dei profumi ricolma;
tornerà all’amore
suo che, trepidante
l’attende. Solitari,
di baci colmeranno
dei profumi i cuori ,  
diffondendo nel mondo
nuova, giovine vita.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia primavera giovinezza

permalink | inviato da verduccifrancesco il 3/4/2012 alle 12:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
La nube
post pubblicato in POESIE, il 31 marzo 2012


Bianca nube,dal sole  Incendiata,
distese l’ali nell’azzurro limpido
cielo va; incerta sovrana d’un regno
prossimo, nello scorrere del tempo,
alla sua naturale  fine d’acqua
ricca e rigogliosa che, dal cielo,
come divina provvidenza scende.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia acqua natura pioggia nube

permalink | inviato da verduccifrancesco il 31/3/2012 alle 16:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Rinnovamento
post pubblicato in POESIE, il 26 marzo 2012


Un giorno come pochi, vissuto in solitudine
godendo, beato, momenti
d’abbandono, dimentichi della moltitudine
fragorosa delle genti.

Mi addormento, mi sveglio, di nuovo cado nel sonno,
nel susseguirsi continuo
di immagini, abbaglio della mente che il sonno
confonde. In questo giorno

di marzo ove, ridente, la primavera s’affaccia
nel cielo terso, da bianca
nube - di sole splendente - solcato, tutto abbraccia
nel tripudio - che mai stanca -

di colori e profumi per la mente inebrianti.  
In questi giorni sublimi,
ove antichi barlumi di atavici rimpianti,
riemergono medesimi,

Mi affaccio al mondo rinnovato.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia rinnovamento primavera

permalink | inviato da verduccifrancesco il 26/3/2012 alle 13:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Adolescente primavera
post pubblicato in POESIE, il 16 marzo 2012


Una scia di profumo
il suo arrivo anticipava
che, ancora lontana,
appariva,
a noi, la regina del sogno
che la notte  in noi dominava.

Nel suo incedere regale,
- farfalla svolazzante nei sogni del tempo remoto - a noi appariva
primavera nuova
d’un tempo a venire
che, nell’ora tarda della sera,
si svolgeva  in noi,
spettatori in-volontari,
come un film d’altri tempi.

(Seduti sulla panchina della piccola piazza,
fingendo indifferenza
e, ridendo di stupide battute,
speravamo, al suo passaggio,
volgesse a noi lo sguardo)

Era, quello, il tempo e l’ora in cui la gente
per strada usciva
dopo i giorni bui appena trascorsi.

L’ora in cui, le giovani donne,
consce del loro destino,
apparivano,
in tutta la flagranza
- dai mille fiori sparsa nell’aria della sera -
della loro giovane età;
nel gioco antico del mostrarsi,
a noi, giovani immaturi,
- che nel nostro incedere,di superbia ammantati -
tralasciavano il pudore.

Ecco che, allora, un reverenziale timore
zittiva , in noi, ogni ardore
che, ancor infantile,
si manifestava, al solito,
in goliardiche esternazioni
a nascondere
la nostra eterna timidezza;
consci d’esserne i destinatari,
ma ancora  inclini a infantili pudori
- e inconcludenti approcci -,
ci sentivamo indifesi
da tanto ardore.

E allora la sera,
che nella notte fluiva,
altro sapore prendeva
al manifestarsi
d’infinite visioni,
mai sopite,
che di sogno in sogno
la vita felice rendeva.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia primavera adolescenza

permalink | inviato da verduccifrancesco il 16/3/2012 alle 22:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Amore perduto
post pubblicato in POESIE, il 7 marzo 2012


Amore perduto;
in tanti cromatici cristalli
dal tempo dilaniato.

Eppure io ti amo
- nella solitudine
del mio sogno rovente
ove tutto è passione -
d’un sentimento breve;
intenso come fiamma
che brucia solitaria
nella notte dei tempi.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia amore

permalink | inviato da verduccifrancesco il 7/3/2012 alle 13:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Corpo di donna; pensieri nascosti.
post pubblicato in POESIE, il 5 marzo 2012


Corpo di donna
tenebroso, solare
- per caso trovato -,
nel profondo del sogno
ancestrale nascosto.
----------------
Corpo di donna
- sinuoso, agile,
quasi felino -
di profumi ricolmo,
strisciando t’insinui ...;
in spire contorte
vibrando m’avvolgi .
-----------------------
Corpo di donna,
diafana visione
di speranze ricolma.
----------------------
Corpo di donna
terra promessa,
- mai mantenuta -
d’un dio minore
geloso, nascosta.
----------------------
Corpo di donna
- fragile,
eppur cosi forte -
che mani estranee
indagano solerti;
d’un sogno perduto
cercando la fine.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. donna corpo pensieri

permalink | inviato da verduccifrancesco il 5/3/2012 alle 16:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia luglio       
calendario
adv