discutendo insieme discutendoinsieme discutendo insieme DISCUTENDOINSIEME | discutendoinsieme | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

La libertà religiosa è possibile solo a patto che chiunque si limiti a professare la propria senza interferenza con lo stato.
Contestata lettura in classe di “sei come sei” di Melania Mazzucco
post pubblicato in NOTIZIE, il 2 maggio 2014


  «La religione cattolica cristiana, come tutte le religioni monoteiste,non è assoluta perché afferma una “verità”,  ma perché pretende che la “sua verità” sia validaper tutti poiché rappresenterebbe l’unica via per la “salvezza”. È in base a questo principio“assoluto” che operano le religioni monoteiste e, pertanto, tutte le presunte“aperture” sono in funzione della loro affermazione, ovvero, la salvezza sirealizzerà solo nel momento in cui gli uomini si conformeranno alla lororeligione».

Unesempio di quanto detto sopra si è appena verificato al liceo Giulio Cesare diRoma dove in due classi è stata fatta la lettura del libro “Sei come sei” diMelania Mazzucco che narra la storia di una ragazza di undici anni con duepadri omosessuali.La lettura rientra nella strategianazionale adottata dal ministero delle pari opportunità del governo italianoper ottemperare alla direttiva del Consiglio d’Europa in merito allaprevenzione ed il contrasto delle discriminazioni basate sull'orientamentosessuale e sull'identità di genere.

Questoindica l’interesse europeo a superare le discriminazioni omofobe - che,purtroppo, in Italia, ma anche in Europa, sono forti – attraverso l’educazionea partire dalla scuola. Il progetto, come è ovvio supporre, non si basa sull’insegnamentodel rapporto sessuale ma sul dare ai giovani una giusta visione delle diversitàculturali e le diverse tendenze sessuali, e i diversi problemi che comportano,presenti nella società affinché possano accettarne i presupposti senza discriminazioneed, eventualmente, affrontarli senza traumi.

Purtroppo,in Italia è forte la tendenza omofoba anche da parte di una certa frangia delcattolicesimo che vorrebbe che gli omosessuali siano “curati” o che nonpratichino la loro sessualità. Pertanto, per capire il senso della denuncia, aldi la delle motivazioni addotte dai denuncianti, che mette sotto accusa unbrano dove si parla in modo esplicito del rapporto orale di uno dei padri, bastaleggere una delle motivazioni che dice che: c’è anche una strategia dell’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar), dipendente dal ministero delle PariOpportunità, per istigare a “vivere la sessualità in unaprospettiva esclusivamente omosessuale.

Dunque,il problema non è la pornografia, come scritto nella denuncia, ma l’omosessualitàe, di conseguenza, l’unione tra omosessuali, le famiglie omosessuali o transgender e l’adozione agli omosessuali.

All’internodel cattolicesimo, se per certi credenti l’avversione all’omosessualità si basasull’insegnamento biblicoche condanna la pratica dell’omosessualità come atto peccaminoso e, pertanto,da debellare, per altri invece, la paura atavica di fronte all’omosessualità,come nella frase sopra, nasce forse dalla credenza che essa possa influiresulle scelte omosessuali di tutti, ovvero, che se lasciassimo liberol’omosessuale renderebbe omosessuale il genere umano; di fatto, sel’omosessualità viene vista in tal senso, è l’omosessuale che creal’omosessuale. Una teoria alquanto fuori dalla realtà dato che, l’omosessuale, comel’eterosessuale, nasce da coppie eterosessuali. Un’altra credenza, anch’essairreale, è l’equiparazione con i pedofili dal momento che pedofilo è anchel’eterosessuale.

Intutt’e due i casi, comunque, è forte l’avversione all’omosessualità poichéesprime un diverso approccio al rapporto sessuale; l’innamoramento, e ilconseguente rapporto, di due persone dello stesso sesso è ritenuto contronatura perché si crede che dio creò l’uomo eterosessuale. L’essere omosessuale,pertanto, viene fatto risalire ad una deviazione dalla natura così come lavoluta dio. 

Pertanto,una lettura guidata dei rapporti tra: omosessuali, eventuali figli edeterosessuali, serve a sfatare dette credenze e a chiarire l’inconsistenzadella regola biblica e non a “creare” omosessuali. Ma,più di ogni altra cosa, serve a evitare comportamenti lesivi nei confronti deigiovani omosessuali che, come dimostrato dalla cronaca recente, possonoarrivare anche al suicidio. Perciò, a meno che dette persone non intendano“eliminare” l’omosessualità eliminando lo stesso omosessuale, una letturaguidata dell’omosessualità, anche attraverso l’opera letteraria che dimostra dianalizzare il problema attraverso una storia, non può che essere condivisa;tutt’al più si potrebbe richiedere, anzi, pretendere, il coinvolgimento deigenitori nella scelta delle opere da discutere. Ma per fare ciò ci vuoleapertura verso il diverso, apertura che può verificarsi solo se si smette dipensare in termini ideologici e religiosi.

Sfoglia aprile        novembre
calendario
adv