Blog: http://DISCUTENDOINSIEME.ilcannocchiale.it

Il ministro del lavoro Giuliano Poletti e la riduzione delle vacanze scolastiche, ovvero, far lavorare gli studenti.

La stampa

Il ministro del lavoro Giuliano Poletti ha detto, a un convegno a Firenze sui fondi sociali europei, che tre mesi di vacanza per gli studenti sono troppi e che uno potrebbe essere impiegato a fare formazione(lavorando) o, comunque, a fare uno stage negli uffici o nelle fabbriche –dipende dall’indirizzo che lo studente a preso.

Una risposta positiva, che parte dal presupposto che le scuole restanoaperte anche d’estate, al ministro arriva dal vicepresidente dell’Anp (associazioneNazionali Presidi) Mario Rusconi: «Daanni, più o meno dai primi anni ’90, noi presidi chiediamo che ci siano pianiintelligenti per l’utilizzo della risorsa scuola durante l’estate. Nel ’95ricordo che collaborai anch’io a una direttiva del ministero dell’Istruzioneche presupponeva che si potessero aprire le scuole di pomeriggio avviandoattività alternative alla didattica con la collaborazione di associazioni digenitori e cooperative. L’idea di utilizzare i locali delle scuole durantel’estate per corsi di sostegno e recupero, per corsi di formazione particolari,per ospitare iniziative di giovani diplomati in cerca di lavoro ci trova dunque- osserva Rusconi - senz’altro d’accordo. Mi permetto di far notare, tuttavia,che Poletti è l’ennesimo ministro che si pronuncia sulla questione, ma mai,finora, alle parole hanno fatto seguito prassi organizzative coerenti». Unarisposta positiva per il ministro ma che si discosta dalla sua perché nonprevede la “formazione” al di fuori della scuola - come pensa il ministro – maal suo interno con un programma alternativo alla didattica che aiuti lostudente a orientarsi nel mondo del lavoro. Da quanto si può capire dalleparole del vicepresidente dell’Anp, la proposta non consiste nel mandare glistudenti nelle fabbriche o negli uffici di qualche azienda, ma nell’istruirlisul mondo del lavoro nel tentativo di aiutarli a prendere un indirizzo adattosia alla loro preparazione che al loro interesse di modo che, una volta finitala scuola, possano sapere già cosa vogliono e dove trovarlo.

Gli studenti, invece sono decisamente contro. Il portavoce nazionaledella rete degli studenti afferma che il piano del ministro non tiene contodella realtà di più della metà degli studenti che già lavorano nel periodoestivo e lo accusa di legalizzare lo sfruttamento degli studenti già in essere.

Tre mesi di stacco dallo studio, in linea di massima,e se non consideriamo i compiti a casa e eventuali esami di riparazione perrecuperare i crediti, può essere troppo e causare al rientro difficoltà nelriprendere da dove si è lasciato. Però, questo è vero se si pensa che tutti glistudenti passino le vacanze lontani dai libri, e questo non è vero perché aicompiti a casa e esami di riparazione va aggiunto il lavoro che molti studentifanno nei mesi estivi per mantenersi agli studi o anche solo per guadagnarequalcosa.

Dunque, la “riflessione” del ministro del lavoro, cheva a interferire con il ministero della scuola, diventa incomprensibile nelmomento in cui non tiene conto di tutte le variabili e conseguenze nel mondodel lavoro giovanile. La scuola dovrebbe pensare a istruire i giovani,l’inserimento dovrebbe essere concordato con le aziende alla fine del percorsoformativo, ovvero, dovrebbe esserci un collegamento tra scuola e aziende nellatrasmissione dei dati riguardanti gli studenti che permetta alle aziende diprendere contatto con lo studente anche durante il percorso di studio. Sarannopoi le aziende a scegliere chi e come assumere.

Che un giovane debba relazionarsi in anticipo con ilmondo del lavoro è giusto, e per questo ci sono già gli stage (STAGE, TIROCINI,ALTERNANZA SCUOLA LAVORO:lltermine tirocinio è spesso affiancato o sostituito dal termine stage, vocabolofrancese che significa “pratica”. Si tratta effettivamente di sinonimi:entrambi i termini rimandano infatti a un’esperienza di formazione praticasvolta all’interno di un contesto lavorativo, per favorire l’ingresso nel mondodel lavoro.
Il tirocinio formativo e di orientamento è regolato dall’art. 18 della legge n.196/1997, detta anche “Pacchetto Treu”, e dal relativo regolamento diattuazione contenuto nel decreto ministeriale n. 142/1998. 
È finalizzato alla creazione di momenti di alternanza tra studio e lavoro peragevolare le scelte professionali dei ragazzi mediante il contatto diretto conil mondo del lavoro e per offrire loro competenze di base, tecnico-operative etrasversali.

L’alternanzascuola-lavoro è stata introdotta dall’art. 4 della legge n. 53/2003:rappresenta una “modalità di realizzazione della formazione del secondo cicloprogettata, attuata e valutata dall’istituzione scolastica e formativa, incollaborazione con le imprese, le associazioni di rappresentanza e con leCamere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, che assicura aigiovani, oltre alle conoscenze di base, l’acquisizione di competenze spendibilinel mercato del lavoro”.
Il decreto legislativo n. 77 del 15 aprile 2005 ha definito le linee attuativeper la gestione delle attività di alternanza scuola-lavoro sia nel sistema deilicei, sia nel sistema dell’istruzione e della formazione professionale.Tuttavia, la disciplina sull’alternanza scuola lavoro sarà soggetta a unriesame
). Basterebbe partire da qua coinvolgendo le aziende eorganizzando il tutto durante l’anno scolastico distribuendo meglio le vacanzelasciando un mese di vacanza piena; ovviamente i periodi lavorativi devonoessere retribuiti. 

Pubblicato il 24/3/2015 alle 17.5 nella rubrica POLITICA.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web